We Made It!

IT/

Ai giorni nostri l’idea del design sostenibile si è fatta definitivamente strada, dando un notevole impulso alla creazione di oggetti ormai entrati nell’uso comune.
In oltre il design sostenibile ha preso varie desinenze: design ecologico, design spontaneo, ri-design (dove “ri” sta per riciclo), green design, design ambientale, social design, ecc.
L’eco design, quindi, affronta le ri-programmazioni dei materiali non interamente consumati donando agli oggettI una seconda vita.
L’ecodesign WE MADE IT!, prende spunto dal concetto giapponese “wabi-sabi”, in cui la bellezza degli oggetti ri-progettati risiede nell’irregolarità e nell’imperfezione risultante dai materiali e dalla loro precedente vita.
L’innovazione tecnologica apportata al recupero di ciò che già esiste ridefinendo nelle cose una nuova funzionalità, che all’inizio appariva nascosta e insospettabile, consente di farle sopravvivere prolungando il loro utilizzo.

“E’ un caldo che mi piace, sa un odore: ci sono dentro anch’io a quest’odore, ci sono dentro tante vendemmie e fienagioni e sfogliature, tanti sapori e tante voglie che non sapevo più d’avere addosso.”

Cesare Pavese

“C’est une chaleur que j’aime, elle a une odeur: moi aussi je suis dans cette odeur, je suis dans tant de vendanges et de fenaisons et d’effeuillages, tant de saveurs et d’envies que je ne savais pas porter en moi.”

Cesare Pavese

eco design for

#lighting #ledlighting #spontaneousdesign #innovativedesign #ethicaldesign #thinkingdesign